Rassegna Stampa
Previous Succ.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12

Chi siamo

Siamo un gruppo di genitori di soggetti autistici che, dopo esserci incontrati in maniera informale per parecchi mesi allo scopo di scambiarci le esperienze e i problemi che incontriamo ogni giorno nella gestione dei nostri figli, abbiamo constatato la necessità di creare un collegamento tra le famiglie, poichè il genitore si sente irrimediabilmente solo e disarmato davanti alla disabilità di suo figlio. Per arginare quel devastante torrente gonfio di dolore e angoscia che irrompe nella nostra vita dobbiamo fare in modo che ci sia un supporto alla famiglia che diventa a tutti gli effetti handicappata. La famiglia, per sentirsi in grado di affrontare il futuro, deve poter contare su una "rete" di sostegno (sanitaria, sociale, assistenziale) che consenta di far fronte a problemi che, da sola, non è in grado di sostenere. Tale supporto non deve diventare via via più labile man mano che si passa dalla scuola dell'obbligo alla adolescenza e all'età adulta perchè le energie dei familiari tendono ad esaurirsi. Le persone affette da autismo non guariscono, ma, utilizzando interventi riabilitativi specifici ed una educazione strutturata si possono potenziare le capacità di questi soggetti, riducendo i comportamenti problema e migliorando la qualità della vita a tal punto da permetterne l'inserimento in adeguati ambienti lavorativi protetti. Le esperienze di paesi esteri anche a noi vicini hanno dimostrato, infatti, che, utilizzando una rete di servizi territoriali, sanitari, socio-assistenziali specializzati in tal senso e volti all'organizzazione di un percorso di vita seguito costantemente anche nel periodo adulto, permette all'individuo "handicappato" di condurre una vita dignitosa e produttiva.
E' nata pertanto nel Febbraio 2000 l'associazione di volontariato denominata AUT AUT.
Essa è costituita tra i soggetti portatori dell'handicap autistico, i genitori degli stessi e da tutti coloro che vogliono condividerne le motivazioni e i progetti, ed ha come fine istituzionale lo svolgimento di attività di volontariato prestata a beneficio dei soggetti autistici.

L'Associazione, operante nell'ambito del volontariato, si propone di sensibilizzare l'opinione pubblica nei confronti dell'handicap autistico, patologia non completamente conosciuta ma in costante aumento. I dati epidemiologici inerenti la nostra provincia stimano la presenza di oltre 400 soggetti autistici, di cui circa 140 nell'età compresa tra 0 e 18 anni, mentre, a livello mondiale l'autismo è stimato certamente più numeroso della ben più nota sindrome di Down.
Nei Paesi esteri più avanzati, già da diversi anni i soggetti autistici sono "presi in carico" dalle apposite istituzioni e,attraverso percorsi terapeutici specializzati, possono raggiungere livelli di autonomia tali da permettere l'inserimento in ambienti lavorativi idonei.
Nel nostro Paese,purtroppo, la realtà è assai diversa,con l'eccezione dell'AUSL di Reggio Emilia, la quale, distinguendosi in ciò da molte altre, già dal 1997 ha istituito presso il servizio di Neuropsichiatria Infantile un Centro per l'Autismo che,dopo la fase di avviamento, sta diventando una realtà a livello nazionale e centro di riferimento nella regione Emilia Romagna.
L'Associazione Aut Aut si propone di cooperare in stretta sintonia con il Centro per l'Autismo e gli altri servizi neuropsichiatrici della AUSL locale,dimostrando, in tal modo, come il dialogo tra pubblico e privato sia possibile se gli obiettivi condivisi sono gli stessi.

Questa collaborazione ha portato alla definizione di alcuni progetti per la cui attuazione, oltre alle risorse della AUSL locale e ai finanziamenti regionali, sono necessari i contributi della nostra Associazione

Nel settembre 2003, vista l’utilità sociale e la grande adesione, si è costituita la sezione autonoma di Modena

 
Ultime Notizie
Sostieni Aut Aut Anche Giuseppe Giacobazzi sostiene i ragazzi autistici di Aut Aut Reggio Emilia, non ti costa nulla! Grazie per il tuo contributo! - View details...

Giacobazzi Aprile 2017 Aut Aut Associazione Famiglie con Portatori di Autismo Onlus presenta Giuseppe Giacobazzi Domenica 2 Aprile ore 21.00 presso Palabigi via Guasco, 8 Reggio Emilia. Info e prenotazioni Prati Group spa via Prandi, 1 Bosco di Scandiano (RE) da lunedì a venerdì 8.30 12.30 - 14.30 18.30 tel. 0522.856991 Prati House srl via F.lli Cervi, 36 (RE) da lunedì a venerdì 8.30 - 12.30 / 14.30 - 18.30 tel. 0522 438380 PalaBigi a Reggio Emilia tutti i giorni vendita interna Signor Sarti Bar Sport in Rubiera sotto i portici (chiuso il lunedi) aperto tutti gli altri giorni dalle 6.00 - 20.00 - View details...

Download NFSP!

Direttore per un giorno Giuseppe Giacobazzi Bologna, 14 aprile  2015 - Dopo Martina Colombari, Alberto Tomba, Gianni Morandi, Cesare Cremonini e Bruno Barbieri, il prossimo direttore per un giorno de il Resto del Carlino sarà il comico e attore Giuseppe Giacobazzi il 6 maggio, nell’ambito delle iniziative che il nostro giornale ha varato per festeggiare il 130esimo compleanno (LO SPECIALE). In questa giornata, sarà affiancato da un paio di ‘vicedirettori per un giorno’. Uno verrà scelto dalla Banca di Bologna – partner dell'iniziativa –, l’altro dallo stesso Giacobazzi tra i nostri lettori. Per affiancarlo, basta scrivere una email all’indirizzo 130@ilrestodelcarlino.it entro il 28 aprile, indicando nell’oggetto ‘Direttore per un giorno-Giuseppe Giacobazzi’ e nel testo il nome, cognome e numero di telefono e soprattutto la motivazione che vi porta a partecipare. Giuseppe Giacobazzi ha scelto di devolvere all'associazione Aut Aut i 5.000 euro messi a disposizione da Banca di Bologna, partner dell'iniziativa.- View details...

Area Riservata